Stampa

Corso di Telemark fuoripista

Sciare a telemark è per il fuoripista, ambiente naturale per cui è stato inventato questo strano modo di sciare inginocchiato. Se sei stufo dei soliti impianti e vuoi vivere nuovi spazi in fuoripista, libera il tallone!

Oltre i confini delle piste battute c'è il mondo reale! E con il telemark tutto è più bello.

Ti introduciamo, dopo i primi passi in pista, all'esperienza dello sci fuoripista a tallone libero.

Scegliamo accuratamente le località dove praticare il fuoripista per rendere il terreno d'azione il più consono possibile al tuo miglioramento e divertimento.

canale del diavolo a telemark

Oltre a curare l'aspetto tecnico ci preoccupiamo di trasmetterti le nozioni più importanti sulla sicurezza nel fuoripista: scelta della linea, tattica di discesa, punti di sosta lungo il pendio, prevenzione valanghe e autosoccorso in valanga con introduzione sul campo degli strumenti del caso: ARVA (l'apparecchio di ricerca in valanga, Avalung, sonda e pala da neve).

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il nostro concetto di fuoripista a tallone libero si riassume così:

Seguire la linea di minor resistenza attratta dalla forza di gravità, in due parole: giù per la massima pendenza!

Telemark:losci a tallone libero

In fondo tutto lo sci si riassume in questo concetto, lasciarsi catturare dalla forza di gravità, e tu vuoi sciare lungo la massima pendenza!
Si curva per controllare la velocità, per ottenere uno status di controllo della situazione, per evitare un ostacolo.
Imparare a governare gli sci su ogni tipo di neve, dalla mitica polvere che non è così facile da sciare come sembra , ma è quella che più ti fa godere, una volta liberata la mente!

 

Guarda il video la Vera Neve, il nostro modo di scivolare sulla neve a tallone libero, e seguici alla ricerca della neve fresca sui più bei pendii in Dolomiti.

Timonare in tutta serenità nella neve primaverile, un pò bagnaticcia che con il Telemark è una vera goduria.

Sciare nella neve crostosa affondando l'azione del Telemark per sopravvivere e allenarsi alla fatica e all'acido lattico nei quadricipiti.

Imparare a sciare sulla neve dura o più verosimilmente "cemento armato".

Tirare i remi in barca per scendere a valle nella morsa della neve "gessosa".

….E arrivati a valle dopo una giornata di fuoripista a Telemark tirarsi delle storie.

Si riesce a sciare a telemark e divertirsi su tutti i tipi di neve solo con un po' di pratica, perchè come dice un nostro caro amico:

Non esiste bella o brutta neve, esistono sono buoni e cattivi sciatori !
John Falkiner